Comune di Vigonovo
Comune di Vigonovo

Vita associativa

tutte le notizie >

Meteo

Condizione attuale Previsione

Calendario eventi

Argomenti

Accesso rapido

Patto dei Sindaci

Home < Monumenti

Monumenti

Villa Sagredo

Villa Sagredo, in via Sagredo,castello romano del IV secolo, fortezza bizantina nel VI secolo, castello del Delesmanini nei secoli X-XIII e trasformata in villa veneta nel secolo XVI dai Sagredo.

PALAZZO BALDI

Palazzo Baldi in via Veneto 63, è una costruzione del 1540 circa, attualmente in fase di ristrutturazione.

PALAZZO ZANON - PALAZZO COMUNALE

Il Palazzo Comunale di Vigonovo, in via Veneto 2, fu progettato tra il Febbraio 1875 e il 15 Gennaio 1882 e costruito tra il 1885 e il 1890 circa. Il progettista fu l'ingegnere Ermenegildo Zanon, membro di spicco della nobile e distinta Famiglia omonima, che tanta parte ebbe nelle fortune del nostro Comune nel secolo passato e nell'odierno.

L'ingegnere Ermenegildo, padre dell'avvocato dott. Francesco, ricoprì, tra le altre, anche la carica di Sindaco di Vigonovo; inoltre progettò, e diresse con somma competenza i lavori di demolizione del vecchio campanile duecentesco della Parrocchia di Santa Maria Assunta del nostro Capoluogo, resosi pericolante per una cospicua inclinazione nel secolo XlX, nonché le operazioni di costruzione dell'odierno tra il 1885 e il 1905. Il palazzo in descrizione e un elegante ufficio a pianta centrale, a forma di ottagono, diviso in tre ordini architettonici, escluso il sotterraneo o, per meglio esprimerci, il semi-interrato.

Lo stile usato nella erezione del medesimo è il Liberty, imperante, per così dire, in quell'epoca. E' prevista una prossima ristrutturazione esterna ed un recupero, in parte, dei giardini all'italiana originali all'esterno.

Fondamenta

Le fondamenta di Ca' Zanon sono costituite da un impasto di calce viva, frammisto a pezzi di mattone e di trachite euganea.

Semi-interrato

Il semi-interrato, o sotterraneo, è costituito da una cintura in trachite euganea che poggia sulle fondamenta e che si eleva dal suolo per cm 90. E' illuminato da una serie di 15 finestre rettangolari a finta strombatura ed arcuate a sesto scemo, o ribassato.

Facciata principale e piano terreno

Il primo dei tre ordini architettonici e costituito dal piano terreno. Questo si eleva dal suolo di metri 3,70. E' decorato di 4 portali, alternati da 20 finestre, così distribuiti nelle otto facciate dell'ottagono.

Piano nobile

Il piano nobile è diviso dalla soffitta-granaio, o secondo piano, da una seconda fascia-cintura sempre della stessa pietra tenera di Custoza.

Detta fascia decorativa e di consolidamento è formata da una modanatura, delimitata alla base da un listello e al vertice da altri due; sui quali si snoda un paio di tenie, o di nervature intrecciate; le quali formano una serie di clipei, alternati da uno maggiore iniziale, seguito da un secondo minore.
Il più grande dei due è abbellito al centro da un bottone, da cui si dipartono quattro foglioline di acanto, poste a forma di croce greca, cioè a quattro bracci uguali.

Secondo piano, soffitta granaio

La soffitta, un tempo adibita a granaio e a ripostiglio, posta al sommo dell'edificio, è illuminata da una serie di 24 finestrelle rettangolari tutte eguali, eccetto le due, poste simmetricamente in corrispondenza delle balconate dei due poggiuoli maggiori, siti nelle facciate di nord e di sud; le quali finestrelle sono leggermente più grandi delle rimanenti circostanti.

Tetto

Il tetto è sostenuto da un elegante cornicione dello stesso materiale lapideo più volte menzionato. Sempre il menzionato cornicione, ai vertici delle sole otto paraste, che, come si è detto delimitano le altrettante facciate dell'ottagono, è abbellito di una dentellatura-gocciolatoio.

ALTRE COSTRUZIONI

Accanto al Palazzo, Sede Comunale sono presenti altre costruzioni adiacenti. Da sinistra a destra di chi lo guarda con le spalle rivolte a mezzogiorno: Sala per convegni (in basso), Anagrafe Comunale, Biblioteca Civica (in alto), autorimessa per pulmini ed auto, Magazzino Comunale.

Originariamente il primo dei due complessi citati era adibito a stalla al pian terreno e a fienile al 1° piano. A solo fienile il fabbricato posto a levante, del quale si conserva ancora un motivo ligneo "a rastrello", ancora nel sito originario, nella parte interna del fabbricato, cioè rivolta a ponente.

Torretta, ex colombaia e pollaio

E' un bell'edificio ottagonale, equilatero e a pianta centrale. Ognuno dei suoi lati misura metri 2,28. E' suddiviso in due ordini architettonici, separati da due fasce in cotto, ornate di parallelepipedi a lieve aggetto.

Il pian terreno è munito di 4 porte e di altrettante finestre esagonali, abbellite da cornici, in lieve aggetto, di pietra tenera di Custoza.

Il primo piano è munito di 8 finestre arcuate a tutto sesto ed abbellite anche queste dalle solite cornici menzionate e dello stesso materiale litico descritto: nonché di eleganti inferriate in ferro battuto, delle quali rimane traccia in un paio di esse.

Portici del centro e case di Piazza Marconi

Sono costruzioni del 1839/1869 circa, recentemente ristrutturate.

Campanile

E' la costruzione più alta del paese iniziata nel 1887. L'opera venne completata nel 1895 mediante l'elevazione totale di canna, cella campanaria, cuspide e coronamento di croce a quattro bracci.

Chiesa arcipretale di Vigonovo

La prima costruzione fu della fine del VI secolo, restaurata nel 1542 e modificata alla forma attuale nel 1739. Vi è custodito un dipinto del Tiepolo.


Monumento del donatore AVIS

Si trova presso il giardino del Municipio.


Accessi nel 2017: 230.915
Modifica i colori del sito

Sede Municipale in Via Veneto, 2 - 30030 Vigonovo (VE) - tel. 0499834911- fax 0499831911- vigonovo@comune.vigonovo.ve.it - P.E.C. protocollo.comune.vigonovo.ve@pecveneto.it
Privacy - Valid XHTML 1.0! - Valid CSS!

logo della Cittą della Speranza PoloEst

web engineered by E-Group Srl